Il distretto alimentare di Verona, che ha sempre mostrato una costante attenzione all’innovazione come strumento per cogliere e anticipare le esigenze dei consumatori, ha tutte le carte in regola per essere terreno di sperimentazione vera e concreta di Impresa 4.0.

Il Caseificio Elda, azienda di Vestenanuova, piccolo paese arroccato sui Monti Lessini a nordest di Verona, produttore di formaggi dal 1890 e dal 1990 specializzatosi nella sola produzione di ricotta, è un esempio di cosa significhi “food processing 4.0”.

Tutto il processo produttivo è automatizzato, c’è una integrazione di sistemi che porta a una maggiore efficienza e a una maggiore velocità di risposta al cliente.

Non si tratta solo di aver sistematizzato il processo in modo tecnologico, accorciando le distanze tra una fase di lavorazione e l’altra, è qualcosa di più: «Dal ricevimento della materia prima, il siero, al magazzino, tutto è collegato – spiega il direttore tecnico della ricotteria P. Montalbetti -.

Una logica funzionale collega i sistemi gestionali con i sistemi di produzione.
Il siero è controllato e in base ai suoi valori analitici viene determinata la modalità di produzione. In pratica, non è l’operatore a determinare il processo, ma sono le caratteristiche della materia prima e il robot che le legge».

I dati vengono elaborati in tempo reale, la tracciabilità dei processi è garantita e la sicurezza delle materie usate è documentata.

Le piattaforme sono interconnesse secondo i dettami del 4.0 – aggiunge Eleonora Zerbato, terza generazione della famiglia che guida l’azienda -: dal sistema gestionale partono gli ordini, c’è lo scambio e l’elaborazione dei dati e l’interfaccia tra la linea produttiva, gli uffici commerciali e la logistica.
Mentre il controllo è garantito da qualsiasi punto del sito produttivo e in remoto.

Ogni singola macchina del Caseificio Elda è stata progettata e costruita attorno al prodotto, anche grazie a partnership con i costruttori per ottenere una totale automazione.

In questo contesto si colloca la collaborazione con Wise Ingegneria e Soluzioni Software che ha realizzato e controlla i 2 magazzini automatici e il sistema di handling tra la produzione e i magazzini stessi.

Un primo magazzino a semplice profondità è adibito allo stoccaggio di circa 300 bancali di ricotta. Qui si realizza anche una fase del processo di raffreddamento rapido del prodotto attraverso 38 celle dedicate con ventilazione forzata.

Un secondo magazzino, collegato con il precedente, permette lo stoccaggio di circa 520 bancali. Qui sono pianificate e realizzate tutte le operazioni di picking ed allestimento bacali per le spedizioni ai clienti.

Il sistema WMS denominato WLog di Wise gestisce e supervisiona il percorso dei pallet contenti il prodotto finito in tutte le movimentazioni dalla produzione alla spedizione.